A che cosa fare attenzione quando si prende il sole?

A che cosa fare attenzione quando si prende il sole?

Lorenzo Battisti | 15. 5. 2020

Un'abbronzatura perfetta sta bene a tutti. Nonostante tutti gli avvertimenti e lo scetticismo dei dermatologi, una bella abbronzatura sarà sempre un popolare souvenir delle vacanze estive e quasi nessuno lo rinuncerebbe volontariamente. Quindi a che cosa stare attenti mentre si prende il sole per fare in modo che non sia contro la nostra salute?

Doni del sole

La luce solare consente la vita sulla terra. Il suo effetto sulle piante, sugli animali e sul nostro organismo è per molti aspetti indispensabile. Benefica le nostre condizioni fisiche (stimola la produzione di vitamina D, che favorisce le ossa, migliora il sistema immunitario) e la salute mentale (arresta la produzione di melatonina, ormone del sonno e promuove la serotonina, che migliora il nostro umore) ed elimina persino gli effetti di uno stile di vita malsano (abbassa la pressione sanguigna e colesterolo).

Inoltre, ci rende più belli. Questo possono certamente confermarlo non solo le persone abbronzate, ma anche i pazienti con problemi di pelle che hanno molto meno sintomi in stagione d'estate. Il sole ha anche effetti anti-infiammatori.

L'abbronzatura come protezione naturale della pelle

Il sole è quindi benefico per noi e non c'è bisogno di dire addio a una pelle abbronzata magnificamente. Devi solo proteggerla e seguire alcune regole per prendere il sole sano. Soprattutto, prevenire le scottature solari. Il modo migliore per prevenirle è esporre regolarmente la pelle al sole dai mesi primaverili e dargli l'opportunità di creare un'abbronzatura delicata che fungerà da naturale difesa della pelle dalle radiazioni dannose fino all'estate. Durante questo periodo, è consigliabile sostenere il processo di abbronzatura: prova il miracoloso beta-carotene negli integratori alimentari o nell'olio solare di carota invece della solita crema solare.

Non sottovalutare i rischi di scottature solari

Un'alta dose improvvisa di luce solare, ad esempio dopo un lungo inverno senza l'uso della protezione solare, può essere molto stressante per la pelle. L'alto sole di giugno in vacanza non dovrebbe assolutamente essere il primo contatto solare dell'anno! In queste condizioni, anche i fototipi più scuri che non sono estremamente sensibili si possono bruciare in soli 15-20 minuti al sole. I rischi di pelle bruciata sono spesso sottovalutati. Ogni colpo di sole non solo accelera l'invecchiamento cutaneo, ma le radiazioni ultraviolette danneggiano anche il DNA cellulare, che può causare il cancro della pelle.

Cosa sono i protettori solari?

Per evitare scottature solari e invecchiamento, dovremmo sempre utilizzarei protettori solari di qualità, noti come SPF (fattore di protezione solare). Questo fattore è un indicatore che viene calcolato dal tempo trascorso al sole e dal momento in cui la pelle inizia a arrossarsi. Il valore SPF dei protettori solari è sempre garantito dagli istituti dermatologici, che hanno dimostrato la capacità dei prodotti di assorbire i raggi UV.

SPF è matematica

Dividi il tempo pianificato al sole per il tempo necessario per arrossare la pelle senza protezione solare e ottieni il valore SPF. Il calcolo non è affatto complicato, ma piuttosto impegnativo per la vita pratica. Entrambi i dati per il calcolo cambiano costantemente a seconda del cambiamento del programma dei singoli giorni. È logico che non è necessario riflettere a lungo sul valore di SPF. Maggiore è la protezione della pelle, meglio sarà. A proposito: la pelle si abbronza allo stesso modo indipendentemente dal valore di SPF della protezione solare, quindi non aver paura di utilizzare il più alto. 

LOZIONE SOLARE
PER IL VISO

DETAGLIO

CREMA ABBRONZANTE
PER IL VISO

DETAGLIO

CREMA SOLARE IN SPRAY
PER PELLE SENSIBILE

DETAGLIO


Prendere il sole senza rimorso

La crema solare o l'olio solare devono essere applicati in modo coerente, preferibilmente 30 minuti prima di prendere il sole. Proprio come i profumi, utilizziamo la protezione solare più volte al giorno perché la sua efficacia diminuisce nel tempo, soprattutto dopo il nuoto o l'attività fisica. Questo vale anche se è stato applicato un prodotto contrassegnato come impermeabile. Questa proprietà non può essere garantita e persino l'Unione Europea richiede chiaramente il ripristino dello strato protettivo, indipendentemente dalla descrizione sull'etichetta.

Ma attenzione: l'uso o la stratificazione ripetuta di creme solari e oli non prolunga il tempo consigliato al sole, ma garantisce solo il mantenimento di detto SPF.

Il sole di mezzogiorno è il peggiore

Gran parte della radiazione UV pericolosa viene filtrata dallo strato di ozono nella stratosfera. Ma se il sole è troppo alto, funziona solo in misura limitata. Pertanto, il sole del mattino e del pomeriggio, che proietta lunghe ombre, è meno pericoloso. Una delle regole principali per prendere il sole sano è evitare il sole all'ora di pranzo, tra le 11:00 e le 14:00, quando le radiazioni UV sono più forti.

Ultimi in cui doniamo i regali. Qui.

Ultimi in cui doniamo i regali. Qui.

Cerco...
Cerco...
up